Invito all’ascolto #3

“Diritti e doveri all’interno di un mondo che cambia.”: introduzione all’ascolto

Che cosa sono i diritti e che cosa sono i doveri, quale relazione c’è tra questi due ambiti, quali sono i loro fondamenti e che relazione hanno con trasformazioni che avvengono nel mondo? Queste domande, e non da poco, sono state al centro del dialogo tra il professor Antonini, giudice della corte costituzionale, e i nostri maturandi, perché di un vero dialogo si è trattato, più che di una pura lezione accademica e unidirezionale.


Il contesto in cui siamo è quello di un mondo in profonda trasformazione, nel quale, secondo la profezia di Nietzsche poi ripresa da Hannah Arendt, il deserto rischia di avanzare sempre di più, il deserto di un inaridimento della vita umana e del suo significato, via via ridotto a metà utilità economicista o a espressione di una pseudo libertà che non riconosce più alcun limite. Cercare allora riscoprire e comprendere come la nostra costituzione, eredità che ci hanno lasciato i nostri padri fondatori della Repubblica, può essere una grande occasione di aiuto per capire che cosa significa essere uomini nel nostro tempo e che cosa significa perseguire la giustizia.


Gli spunti che la costituzione ci offre, in modo molto originale rispetto a un giusnaturalismo del passato fissato sulla pura difesa dell’individuo borghese, è innanzitutto quello della centralità della persona che è al tempo stesso individuo intrascendibile, cioè appunti persona, ma che non vive astrattamente ma si sviluppa all’interno di una comunità. E da questo fondamento che si può cogliere il legame tra diritti e doveri, come due facce della stessa medaglia, come due espressioni della stessa soggettività umana, caratterizzata dalla dignità della libertà e della responsabilità, dove veramente libertà e responsabilità sono anch’esse inscindibilmente unite.


La costituzione però non è una eredità morta, ma va riconquistata e applicata nel nostro nuovo tempo, alla luce della evoluzione della società e della comprensione più profonda dei valori costituzionali: in questo senso il lavoro della corte costituzionale, di confronto e di giudizio su tutte le questioni problematiche che sorgono nella nostra società, lavoro guidato dal principio del bilanciamento di tutti i punti di vista, è un aiuto alla posizione umana di ciascuno di noi di fronte alle sfide della vita.

Share this page